Vai al contenuto principale

Squame @ Tuscany Trail 2022

Squame @ Tuscany Trail 2022

Il nostro Tuscany Trail 2022 inizia da molto prima della partenza vera e propria  dell’evento, incomincia dalla preparazione delle bici, dei bagagli, dalla pianificazione del viaggio in bici, ma soprattutto dall’affiatamento di un fantastico gruppo di amici pronti a condividere una nuova avventura.

Infatti quello di cui vorrei veramente parlare non è tanto del viaggio in sé, quanto della bellezza di condividere momenti indelebili, della compagnia e perché no di momenti di crisi di un gruppo, che ora è come l’equipaggio di una barca ormeggiata in porto, in attesa di salpare per una nuova avventura.

Non ricordo chi di preciso abbia proposto di partecipare al Tuscany, ma nel giro di poco era già stato creato il classico gruppo WhatsApp, dove il fermento per l’organizzazione era palpabile.

Alcuni di noi si conoscevano molto bene, pedalando insieme da tanti anni, altri invece stavano partecipando alla loro prima avventura in bike-packing, spinti dal tipico entusiasmo per le novità.

Bene, la brigata si era formata!

Da questo momento in poi ogni weekend era una scusa per pedalare insieme e iniziare a macinare chilometri, senza tralasciare le importanti, quanto fondamentali, serate di “organizzazione” dove in realtà, dopo qualche minuto di serietà per gli avanzamenti organizzativi, si finiva a bere birra tra risate e racconti di avventure passate.

Per quanto sia stato fantastico il viaggio, senza tutto quello che ci è stato dietro, senza la creazione di nuove amicizie e la condivisione di tutta la pianificazione, non sarebbe stata la stessa cosa.


Ognuno ha contribuito a dare forma al gruppo, con la propria personalità ed esperienza, abbiamo imparato a conoscerci e a prenderci in giro fin da subito per le nostre manie e fissazioni.

Dopo mesi dalla creazione di quel gruppo WhatsApp eccoci arrivati al fatidico giorno della partenza.

 

Giorno Zero

È stato il giorno dei trasferimenti: abbiamo lasciato le auto all’arrivo a Orbetello, in modo da poter rientrare a casa direttamente una volta concluso il percorso, e da qui abbiamo preso un treno fino al punto di start a Donoratico; una giornata rilassante, intervallata da un pranzo di pesce in riva al mare e conclusa con quasi 1kg di fiorentina a testa, la preparazione ideale ad un evento di questo tipo.


Giorno Uno 
Donoratico - San Gimignano 
Km 150 dislivello 2700mt 

Sveglia presto, abbondante colazione (Galvo (Luca Galvani) non aggancia i pedali prima di quattro brioches e due cappuccini) ed alle 6:00 eravamo già in sella pronti a partire.

Pochi km ed i primi problemi meccanici ci bloccano subito, fortunatamente la nostra arma segreta, Mattia (Bike Line), risolve prontamente ogni imprevisto limitando il tempo perso, in questo caso la scelta di partire presto si è rivelata azzeccata.

Costeggiamo il mare durante un breve tratto di pianura per poi dirigerci verso l’entroterra dove inizia il vero Tuscany Trail, tra salite e discese ripide immersi nelle caratteristiche strade bianche toscane.

Arrivati a San Gimignano l’unica preoccupazione era trovare un ristorante per rifocillarsi, ma Checco (Francesco Zoli) si era già mosso qualche giorno prima riservando un tavolo in un ristorante tipico, dove a fine serata sia gli altri commensali che i ristoratori stessi si complimentano con noi per la quantità di cibo che siamo riusciti ad ingurgitare.


Giorno Due
San Gimignano - Pienza
Km 124 dislivello 2300mt

Nonostante fossimo indolenziti dalla fatica del primo giorno, il morale è talmente alto che non ci facciamo intimidire. 

Il percorso di questa tappa personalmente è quello che ho preferito: nella prima parte abbiamo solcato le pietre della via Francigena arrivando a Siena con divertentissimi sentieri tra i boschi, mentre il clima torrido del pomeriggio ha reso gli ultimi chilometri fino a Pienza veramente impegnativi.

Fortunatamente ad aspettarci c’era uno spettacolare agriturismo arroccato tra le colline, prenotato da Ago (Augusto Reati) che si è occupato di tutta la logistica e pernottamenti.

Anche qui la giornata si è conclusa con una cena tipica toscana, avvisando preventivamente lo chef di preparare la cucina per l’abbondanza di pietanze che avremmo richiesto. 

Giorno Tre 
Pienza - Orbetello
Km 160 dislivello 2450mt

La partenza con il sole che cresceva tra le colline di Pienza è stata a dir poco emozionante, il silenzio e la tranquillità che ci circondavano avevano creato un clima a dir poco suggestivo rendendo incredibile il percorso verso Radicofani, un un paese veramente caratteristico che mi ha colpito particolarmente, rappresentante il punto più alto raggiunto in questa avventura.

Senza imprevisti avevamo già percorso tantissima strada ed avvicinandoci a Pitigliano, meta programmata per il pranzo, la convinzione era quella di aver ormai portato a casa la tappa.

Sbagliavamo! Analizzando la traccia però ci siamo resi conto che i km e sopratutto il dislivello da percorrere era ancora tanto, siamo sbiancati pensando al ritmo alto che avevamo tenuto fino a quel momento, forse ci eravamo fatti prendere cantando vittoria troppo presto.

Ci attendevano ripidi muri assolati e salite con pendenze a doppia cifra, insomma, un toccasana se percorse sotto il sole cocente subito dopo pranzo.

Non ci facciamo prendere dallo sconforto, continuiamo a pedalare sognando un bar con acqua fresca e, finalmente, terminato il dislivello ci concediamo una meritata pausa a Capalbio. 

Pochi chilometri ci separavano dall’obiettivo, con lo sguardo scrutiamo l’orizzonte alla ricerca del mare, inizia la pineta, finalmente ci siamo! Arrivati a Orbetello oltrepassiamo il traguardo e ci concediamo un ultima birra, prima del rientro verso casa.

Si è conclusa così la nostra avventura, un’esperienza veramente positiva, in cui tutto è andato il meglio, forse anche più del previsto.


Seguiranno altri racconti legati ai partner e agli aspetti tecnici di questo Tuscany, ora ci riposiamo tornando con la mente a quei fantastici paesaggi.

Continua a leggere

Squame @ Veneto Gravel 2022

Squame @ Veneto Gravel 2022

Cosa significa sostenibilità?

Cosa significa sostenibilità?

Test delle Tartarughe @Cestha

Test delle Tartarughe @Cestha